Nasce il Cannabis Social Forum a Roma

Dall’approvazione della legge 242/2016 in data 2 dicembre 2016 sono passati oramai più di 2 anni, il mercato della Cannabis Sativa L. è incrementato sopratutto grazie al comma “g” dell’Art. 2 della nuova legge, che apre questo settore alle “coltivazioni destinate al florovivaismo”. Purtroppo molto poco è cambiato per le istituzioni italiane, che continua a confondere la legale cannabislight con l’illegale marijuana, perseguitata da decenni in tutto il mondo.

Dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale n° 304 del 30 dicembre 2016, il Ministero della Salute, come sancito dall’Art. 5, avrebbe dovuto entro giugno 2017 adottare decreti attuativi per definire “i livelli massimi di residui di THC ammessi negli alimenti”. All’epoca c’era ancora il vecchio governo Renzi con Beatrice Lorenzin in qualità di Ministro della Salute che con la vecchia mentalità proibizionista, non aperta sulle evoluzioni scientifiche sulla cannabis e sui cannabinoidi, non avrebbe potuto che emanare regolamenti senza logica e magari basati su concezioni scientifiche vetuste e corrotte.

Oggi il mercato della canapa e dei suoi derivati, con particolare attenzione al fiore, necessita di chiarimenti legislativi urgenti e continui, visto che la legge 242/2016 ha aperto le porte a molti nuovi mercati. Molte aziende straniere, interessate al mercato della Cannabis Sativa L., stanno osservando con interesse l’Italia e la sua legislazione in merito. Le Aziende che vogliono investire, hanno bisogno di certezze a breve ma sopratutto a lungo termine per valutare i giusti investimenti. Perdere altro tempo, nel aspettare di chiarire i molti punti oscuri della nuova legge,  ci farebbe perdere ulteriore terreno sui molti paesi che hanno già regolamentato questo mercato.

Domani sabato 22 dicembre 2018 a Roma, molti addetti al settore della Canapa & Cannabis si ritroveranno per confrontarsi sulle problematiche e sulle richieste da portare ai ministeri competenti.

Le associazioni dei canapicoltori e del settore industriale sottoscriventi:

Piantagrane Social Club, Canapa Caffè, Gli Amici di Nonna Canapa, Orto e Canapa, ItalSativa, Italian Cannabis Academy, South Hemp Tecno, Assocanapa, Federcanapa, Centro Operativo Canapa Del Sud, Pikkanapa, APROCAMA, Lazio Canapa, Calabria Sativa, Canapa Sativa Italia, Hesalis, Associazione Canapese. Hemp Farm Italia, Canapa della salute, Ecocanapa, Sardinia weed, AICAL (Associazione Italiana Cannabis Listt), Easy Joint, Roots, Museo itinerante della Canapa & Bioversi, UOSC grow shop Roma, La Conte verde.

Con il pieno appoggio delle seguenti associazioni di pazienni di anproibizionisti e tecnici esperti del settore:

Cannabis Medical center, Cartello Pazienti Uniti, Ass. LaPiantiamo, Ass. Cannabis Social Club, Free Weed, Giuseppe Nicosia, Markab Mattossi, Franco Casalone, Valerio Zucchini, Rete Cannabis.

Il supporto legale è garantito da:

Avv. Bulleri, Avv. Massi Scarano, Avv. Elia De Caro Ass. Antsone, Avv. Nicomede Di Mictele Ass. Fracta Sativa, Ass. lesale Canapa Futura, ASAC sindacato.

Sostegno dal mondo istituzionale ed internazionale:

Antonella Soldo Pres. Radicali Italiani, Rita Bernardini Pres. LaPiantamo, On. Adriano Zaccagnini, On. Lello Ciampolillo, Dott. Alfonso Gallo, Enrico Fletzer – Encod.

diretta video: Canapa Caffè Channel